Giovani con le scarpe. Dal divano alla vita!

 

Le ferie di Maria quest’anno coincidono con il campo di lavoro, ma non importa: è un’esperienza a cui non può rinunciare nemmeno per lasciare spazio al riposo; Fabio ha sempre pensato che lavorare gratis per aiutare degli sconosciuti fosse una cosa folle, e invece ha trovato altri settanta ragazzi come lui pronti a darsi da fare; Sabrina è alla ricerca di un’esperienza nuova e rigenerante dopo le batoste dell’anno appena passato; la vita di Filippo è cambiata a causa di un grave incidente, ma non per questo si dimentica di essere prezioso per prossimo...

Hanno faticato fianco a fianco, per dieci giorni, tra sorrisi ed entusiasmo, al motto “Perdonare per partire”. Sono i ragazzi del campo incontro-lavoro del Pime di Busto Arsizio che, come ogni anno, si ritrovano da tutta Italia a fine agosto non solo per rimboccarsi le maniche all’insegna della solidarietà ma anche per rifletter sui temi e le situazioni che ogni giorno il mondo propone. Ma non sono gli unici che vivono in modo pieno la propria vita: sono molti i nomi, i volti e le storie che si possono raccontare, semplici, quotidiane ma nascoste agli occhi dei più.

«Siate giovani da scarpe e non da divano». Così Papa Francesco si è rivolto ai ragazzi riuniti a Cracovia per la ventesima Giornata Mondiale delle Gioventù il luglio scorso. «Il tempo che oggi stiamo vivendo non ha bisogno di giovani da divano, ma di giovani con le scarpe, meglio ancora con gli scarponcini calzati». Ne è convinto il Santo Padre che nel discorso di chiusura della Veglia al Campus Misericordiae ha ricordato che «Gesù è il Signore del rischio, del sempre oltre, non è il Signore del confort, della sicurezza e della comodità». Per questo ha invitato tutti i ragazzi a sfoderare il coraggio e la determinazione per intraprendere nuove strade e raggiungere orizzonti sconosciuti.

A partire da questo mese di ottobre, Mondo e Missione accoglie l’invito del Papa e dedica spazio a storie e testimonianze di ragazzi protagonisti della propria vita. Questa rubrica racconterà ogni mese uno spaccato di quella gioventù, in missione o alle periferie dalla nostra città, che si scuote dal torpore del divano e si mette in cammino, consapevole della difficile realtà a cui va incontro ma anche la ricchezza che si trova mettendosi in gioco, incontrando l'affamato, il malato, il migrante...

Partire, ospitare, confrontare, perdonare, impegnarsi... Sono tutti verbi da giovani con le scarpe che trovano posto in missione come a casa nostra perché, come dice Papa Francesco: «Quando il Signore ci chiama non pensa a ciò che siamo, ma a tutto quello che vorremmo fare, scommette sempre sul futuro, sul domani, su tutto l’amore che siamo capaci di contagiare. Voi siete un’opportunità per il mondo».

 

 

Gli articoli della rubrica "Giovani con le scarpe" saranno pubblicati ogni mese su Mondo e Missione e sul sito pimegiovani.it

Tags: missione, giovani, Testimonianze, Mondo, BustoArsizio