Chinamen

primavere e autunniWu Li Shan è un giovane venditore ambulante di cravatte. Arriva a Milano nel 1931 da uno sperduto villaggio di montagna della Cina orientale. In città sono appena terminati i lavori della nuova Stazione Centrale e le vie sono piene di gente. Wu non conosce l’italiano e ha a malapena una stanza dove stare, ma quella città gli piace: adora il rumore dei passi cadenzati sui marciapiedi , le carrozze sulle strade, le chiacchiere delle belle signore che tengono i figli per mano. Prima che a Milano Wu ha vissuto in altre grandi città, come Parigi e Amsterdam, eppure comprende che è l’Italia il luogo che il destino ha scelto per lui e per il futuro della sua famiglia.

In Primavere e autunni Ciaj Rocchi e Matteo Demonte ricostruiscono la storia dei primi cinesi arrivati a Milano. Un lavoro che hanno proseguito con Chinamen, un saggio a fumetti che si stacca dalla vicenda di famiglia per abbracciare l'intero flusso migratorio che ha creato nel centro di Milano una piccola Cina.

chinamenCIAJ ROCCHI, MATTEO DEMONTE, Primavere e autunni, BeccoGiallo Editore, Milano 2015

CIAJ ROCCHI, MATTEO DEMONTE, Chinamen, BeccoGiallo Editore, Milano 2017

Tags: Cina, Milano, Libri, Migrazioni

Leggi altri articoli...

Eventi Pime
  • 03/27/2017
  • By 

Destinati

 Abbiamo chiesto a due giemmini freschi di destinazione cosa significa essere spediti in un posto che non ci si è scelti, con una persona che non ci si è scelti.

Libri e film
  • 03/17/2017
  • By 

Bilal

Senegal - Italia, sola andata. Un giornalista italiano si finge un migrante per documentare il grande viaggio del nostro secolo

Libri e film
  • 03/17/2017
  • By 

«Vado io»

Una frase che riassume una vita. La storia di padre Daniele Badiali, il giovane missionario che ha dato la sua vita in Perù