Bilal

9788817023450 0 0 300 80

Fabrizio Gatti è un giornalista d'inchiesta che scrive per alcune delle più importanti testate giornalistiche del nostro Paese. Nel 2008, armato soltanto di uno zaino, è andato in Senegal e da lì ha percorso la rotta che attraversa il Sahara, arriva in Libia, supera il Mediterraneo e approda in Italia. L'ha percorsa come fanno i migranti, tra enormi difficoltà, pericoli, ingiustizie, soprusi. Tra la disperazione che spinge e la speranza che attira.

Leggere Bilal significa immergersi nelle storie di chi affronta un viaggio rischiosissimo perché è l'unica possibilità di avere una vita dignitosa. Leggere Bilal significa fare quel viaggio insieme a loro, accompagnati dalla voce di Gatti, il più possibile oggettiva, eppure vibrante di commozione di fronte alle vite spezzate di queste persone. Leggere Bilal significa capire il significato di qualcosa di cui sentiamo troppo parlare, ma di cui non sappiamo niente. Leggere Bilal significa viaggiare, lavorare e morire da clandestini

FABRIZIO GATTI, Bilal. Viaggiare, lavorare, morire da clandestini, Bur, Milano 2008

 

Tags: Libri, Immigrazione, Migrazioni, Africa, Giornalismo

Leggi altri articoli...

Eventi Pime
  • 03/27/2017
  • By 

Destinati

 Abbiamo chiesto a due giemmini freschi di destinazione cosa significa essere spediti in un posto che non ci si è scelti, con una persona che non ci si è scelti.

Libri e film
  • 03/17/2017
  • By 

Chinamen

Una graphic novel autobiografica e un saggio a fumetti per raccontare le origini della piccola Cina che vive nel centro di Milano